Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione

Buongiorno a tutte e a tutti. Voglio iniziare con un ringraziamento a chi ha reso possibile anche quest’anno il salone nazionale dell’orientamento JOB&Orienta, malgrado le difficoltà determinate dall’emergenza sanitaria. Trent’anni di impegno serio e fruttuoso che hanno rappresentato per i nostri giovani una mano tesa costante, una bussola preziosa lungo il loro percorso didattico e professionale. I numeri dello scorso anno vi hanno dato merito di questo impegno nell’organizzare e sostenere uno spazio di occasioni dedicato ai giovani, sì ma con l’intento di arrivare a tutti, agli studenti, ai docenti, ai professionisti, agli imprenditori e alle famiglie. Oltre 70 mila visitatori registrati, 200 appuntamenti culturali e 500 le realtà coinvolte lo scorso anno. Ve ne siamo grati e vi auguriamo di raggiungere risultati ancora più ambiti quest’anno con una formula magistralmente rivisitata a causa delle attuali condizioni che non permettono di ritrovarci fisicamente, tutti insieme, nella bellissima città di Verona.  

Sono certa però che, seppur distanziati, saranno migliaia coloro che seguiranno gli eventi in streaming, molte le orecchie ad ascoltare seminari formativi, tanti i naviganti che cercheranno in questi spazi virtuali il proprio “vaccino per l’occupazione”, tema scelto per questa edizione.

I pregi del progetto JOB&Orienta sono tanti, ma uno fra tutti è quello di creare connessioni: tra i giovani e gli adulti, tra la scuola e il mondo esterno, collegamenti che possono trasformarsi in vere e concrete opportunità, sia per chi si affaccia per la prima volta sul mercato del lavoro, sia per chi cerca la propria strada, come proseguire il proprio percorso di studi. Sappiamo tutti quanto siano indispensabili queste opportunità di scoperta e confronto, oggi in un mondo che si trasforma continuamente, dove sono richieste professionalità sempre più specializzate, di alto profilo. In questa enorme rivoluzione, che permea ogni settore sociale e occupazionale, naturalmente non manca la scuola, che ha bisogno di reinventarsi per essere più all’avanguardia e innovativa, che deve rilanciarsi valorizzando tutti i suoi percorsi. Penso a quelli tecnici e professionali, spesso non sufficientemente considerati. E penso agli Istituti Tecnici Superiori, una risorsa importantissima e strategica per il Made in Italy e per l’economia del nostro Paese. Corsi post diploma che offrono opportunità concretissime a chi li frequenta e formano profili di alto livello. In questa corsa che porta per mano i ragazzi verso un futuro nuovo e di cambiamenti, voi ci siete e noi ci saremo, sempre al vostro fianco.

Buon salone a tutti e buon lavoro!